Il leggendario synth Minimoog modello D diventa un’app per iOS

Synth Portatile su smartphone

Rilasciato per la prima volta nel 1970, il modello D di Minimoog fu il primo synth portatile al mondo, nonché il primo a includere una tastiera. Questo modello è tuttora considerato il sintetizzatore con la maiuscola, entrato a far parte dell’immaginario collettivo degli appassionati come un pezzo raro e inimitabile. Da Kraftwek e Michael Jackson a Nine Inch Nails e Dr. Dre, il Minimoog ha abbracciato generi musicali e decenni. Lo strumento ha dato ai musicisti la possibilità di comporre con facilità invece di dover prima capire il complesso mondo dei synth modulari. Purtroppo, Moog ha interrotto la produzione del Modello D nel lontano 1981.

Dovettero passare diversi anni prima che Moog riprenda il progetto in mano. Infatti, nel 2016, l’azienda ha rilasciato una ristampa, in edizione limitata, del Modello D disponibile per 3,749.00 $; mentre il prezzo del synth usato si aggira attorno ai 2,500 $. Attualmente, quindi, il Minimoog modello D è fuori dalla portata di molti appassionati e musicisti.

Ma ecco che arriva l’escamotage. Moog ha rilasciato l’app “Minimoog Model D” per iOS per dare la possibilità ai “comuni mortali” di potersi dilettare con qualcosa che se da una parte, non è il vero synth; dall’altra gli si avvicina abbastanza. Certo, non sarà lo stesso suono che solo i pannelli in legno e il frontale in metallo dell’originale possono produrre, ma comunque si otterrà una ricostruzione digitale molto fedele di tutti i suoni che escono dal mitico sintetizzatore.

L’app iOS è disponibile per un periodo limitato a 4,99 $. Minimoog Model D ricrea nei minimi dettagli la versione fisica del Minimoog originale: fino al particolare della trave di legno che separa le manopole e le chiavi. I controlli sono semplici. Le manopole ruotano facendo scorrere il dito su o giù. L’accesso ad alcuni effetti aggiuntivi come: l’arpeggio, il delay e il looper richiede solo un tocco del pulsante FX con le opzioni che scendono a tendina dall’alto della schermata.

Per quanto riguarda la riproduzione, la tastiera a 44 tasti può essere spostata su e giù per raggiungere l’ottava corretta senza troppi problemi. Inoltre, se si dispone di una tastiera MIDI, è possibile collegare l’app tramite un adattatore o bluetooth per un migliore controllo della tastiera.

Tuttavia, non bisogna essere degli esperti di synth per utilizzare l’app, infatti l’interfaccia utente è stata semplificata con delle pre impostazioni di suono. Quindi, invece di ruotare le manopole per ore cercando di ricreare i suoni delle canzoni preferite, Moog offre la possibilità di potersi concentrare su altri aspetti del synth come gli oscillatori, mixer, filtri e altre funzionalità che possono essere manipolati per creare suoni originali.

Moog non ha concepito l’app come qualcosa che farà impazzire la gente e li spingerà a comprare il modello D in massa. Più che altro, Minimoog Model D è vista come una sorta di demo o anteprima dell’originale. Quindi, anche se un synth da più di 3000 $ potrebbe non essere accessibile per la maggioranza delle persone, per soli 5 $, gli appassionati e i musicisti avranno la possibilità di imparare a suonare le linee di basso dei singoli più famosi con la speranza di poterli poi riprodurli anche sul synth originale con una dimestichezza pre acquisita.


I commenti sono chiusi su "Il leggendario synth Minimoog modello D diventa un’app per iOS"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.