Marketing aggressivo: cosa si nasconde dietro la pubblicità invasiva?

“Ragazzi, sono veramente euforico…” probabilmente ognuno di voi avrà sentito almeno una volta questa affermazione tra i video pubblicitari che spesso si aprono girovagando in rete, e sicuramente qualcuno si sarà anche stufato di vedere delle strategie promozionali eccessivamente invasive, ma cosa si nasconde (in genere) dietro il marketing aggressivo?

Intendiamoci, ci sono più modi di vedere la pubblicità, tuttavia è chiaro che far comparire continuamente un banner a volte può portare all’effetto contrario ed essere controproducente, bisogna puntare più sulla qualità che sulla quantità, sul colpire l’attenzione del potenziale cliente più che passare per il “prezzemolo in ogni minestra”.

Ma spesso ci sono dei contenuti promozionali che insistentemente si ripresentano ogni qual volta visitiamo un determinato sito web e non solo, è curioso però addentrarsi nei dettagli per scoprire cosa effettivamente c’è dietro e cosa spinge chi crea queste Landing Page ad investire in un Marketing che sicuramente risulta dannoso a livello di immagine, ma probabilmente non per l’incremento dei profitti, unico obiettivo che effettivamente si vuole raggiungere (e il più delle volte la monetizzazione arriva con ottimi risultati).

Quasi sempre lo scopo unico è quello di promuovere un particolare tipo di attività, di farla passare almeno a prima vista per veramente prolifica e come un’occasione da sfruttare assolutamente per generare introiti rapidamente, con facilità, senza troppo impegno e con il raggiungimento di cifre monstre ed il tutto condito da una schiera di testimonial pronti a confermare questa tesi.

Ma qui c’è qualcosa che non torna, possibile sia tutto rose e fiori? Perché non siamo tutti ricchi e pronti a prendere il sole in una famosa località tropicale con il classico latte di cocco? Semplice, perché non tutto è oro quel che luccica. Quasi sempre, e sottolineo quasi sempre, il marketing invasivo che riconduce a Landing Page il cui unico scopo è quello di promuovere delle attività molto vantaggiose e che possono generare grossi profitti sfruttano dei programmi di affiliazione con piattaforme di trading, casinò online, aziende di intermediazione finanziaria ed altre realtà che, seppur possono effettivamente rappresentare una possibilità di guadagno, questo resta comunque vincolato da un rischio non indifferente e che senza un’adeguata preparazione ed esperienza sul campo porta sicuramente alla perdita di grossi capitali, caso a parte per i casinò dove chiaramente vale solo la fortuna del giocatore.

Queste attività promozionali portano generalmente ad ottimi guadagni, ma più per chi ha creato le Landing Page che per chi trova interessanti le opportunità proposte e consigliate, considerando che per ogni utente portato su piattaforme simili a quelle su menzionate si riescono ad ottenere delle commissioni pari a svariate decine di euro (a volte anche centinaia).

Il mio articolo ovviamente non ti invita a diffidare sempre, semplicemente ti esorta a prestare attenzione soprattutto alla parte relativa ai “rischi di investimento”, d’altronde qualsiasi Landing Page come quelle descritte dovrebbe per questione etica ma anche legale descriverli in maniera accurata e quindi certamente farti notare i vantaggi, ma anche e soprattutto gli svantaggi nei quali si può incorrere.

Tu invece cosa ne pensi del Marketing Aggressivo? Facci sapere la tua !


I commenti sono chiusi su "Marketing aggressivo: cosa si nasconde dietro la pubblicità invasiva?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.




WebTrainer utilizza Cookie tecnici e di terze parti per fornire un servizio di qualità. Clicca su "Accetto" per acconsentire al loro utilizzo, così da poter utilizzare tutte le funzioni del sito. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi